Buco nell’acqua per Federcaccia, che ha tentato senza successo di ribaltare in sede cautelare l’Ordinanza del 7 settembre scorso del TAR di Bologna ottenuta dalla LAC che, tra l’altro, ha disposto il posticipo dal 17 settembre al 1 ottobre dell’apertura della stagione venatoria 2023/24, oltre a dimezzare il numero di giornate aggiuntive per la caccia da appostamento nei mesi di ottobre e novembre.
Il Consiglio di Stato, infatti, con proprio decreto n. 3832 di oggi, 15 settembre (v. allegato) ha respinto l’istanza dei legali della principale associazione venatoria, segnando un nuovo successo per la Lega Abolizione Caccia, che ha iniziato il contenzioso amministrativo sul calendario venatorio 2023/24 varato dalla giunta Bonaccini lo scorso 22 maggio.
La LAC è impegnata anche quest’anno a contrastare le diffuse forzature contenute nei calendari venatori regionali, attraverso cause in corso, promosse presso i T.A.R. di competenza, anche concernenti le numerose inottemperanze immotivate ai suggerimenti dell’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione la Ricerca Ambientale). In queste difficili battaglie che comunque salvano migliaia di vite animali, ringraziamo l’impagabile impegno dello Studio Linzola.
DOVE SIAMO

Sede Legale:                        Via Ernesto Murolo 11  00145 Roma

 

Iscriviti alla Newsletter

LAC Lega Abolizione Caccia © 2024. All Rights Reserved. |                                                                    C.F. 80177010156

IBAN: IT74 C030 6909 6061 0000 0119 336
BIC BCITITMM

 

oppure
Conto Corrente Postale: 31776206

 

torna