MUNIZIONI AL PIOMBO:

CONFERMATO IL DIVIETO IN TUTTE LE ZONE UMIDE.

LA CIRCOLARE MINISTERIALE NON HA ALCUN VALORE.

LOLLOBRIGIDA E PICHETTO FRATIN SMENTITI ANCORA.

Dopo le censure della Commissione europea, arriva anche la bocciatura 

del TAR del Lazio. “Organi di controllo e polizia facciano rispettare 

il Regolamento europeo”

 

L’altro ieri  il TAR del Lazio ha emanato un’ordinanza (n. 5447 del 5/9/2023) sul ricorso promosso da LAC,

e la partecipazione delle associazioni LAV, Lipu e WWF contro la Circolare n. 72/2023 dei ministeri Ambiente e Agricoltura che si poneva in contrasto con il Regolamento europeo 2021/57 di divieto dell’utilizzo delle munizioni al piombo nelle zone umide, fornendo interpretazioni del concetto di “zona umida” a esclusivo beneficio dei cacciatori nonostante la funzione del Regolamento sia quella di tutelare la salute animale e umana.

Nell’ordinanza si legge che “l’’atto gravato è notoriamente inidoneo – per natura, forma e procedimento – ad incidere sulle puntuali previsioni del Regolamento sovranazionale, che sono quindi all’attualità pienamente cogenti e direttamente applicabili dai competenti Organi accertatori e giudicanti.” 

In sostanza, la Circolare predisposta dai Ministeri italiani, su richiesta del mondo venatorio, non può in alcuna maniera modificare i contenuti del Regolamento europeo che quindi rimangono tali e direttamente applicati anche nel nostro Paese

Peraltro, già a fine luglio, la Commissione europea ha aperto una procedura Pilot nei confronti dell’Italia in materia di caccia, anche per la violazione del citato Regolamento europeo 2021/57.

Nello specifico la Commissione ha duramente criticato in più punti la Circolare interministeriale che, con un’interpretazione restrittiva al nuovo Regolamento europeo, esclude dal campo di applicazione moltissime aree umide, come improvvidamente richiesto dal mondo venatorio, limitandone l’applicazione alle zone in cui il divieto è già vigente. Un raggiro delle regole che, vista la pericolosità nel piombo disperso nell’acqua, comporterebbe non pochi danni agli uccelli e all’ambiente.

Dopo le contestazioni della Commissione arriva dunque anche la bocciatura del TAR, che cancella la validità della Circolare e che rende immediatamente applicato il Regolamento.

Invitiamo tutti gli organi di controllo e le forze di Polizia a far rispettare pienamente il Regolamento europeo, e dunque il divieto di utilizzo e possesso di munizioni al piombo nelle zone umide e nel raggio di cento metri da esse, fatte salve restrizioni più estese previste dalle singole Regioni. Chiediamo inoltre al Governo di fornire con urgenza agli operatori di polizia gli strumenti idonei a verificare il materiale contenuto nelle munizioni per non rischiare di continuare a mettere a rischio la salute pubblica e subire una pesante procedura d’infrazione.

 

DOVE SIAMO

Sede Legale:                        Via Ernesto Murolo 11  00145 Roma

 

Iscriviti alla Newsletter

LAC Lega Abolizione Caccia © 2024. All Rights Reserved. |                                                                    C.F. 80177010156

IBAN: IT74 C030 6909 6061 0000 0119 336
BIC BCITITMM

 

oppure
Conto Corrente Postale: 31776206

 

torna