Altri quattro cacciatori sono stati denunciati la scorsa settimana  dalla LAC Sez. Toscana,

per violazione alla Legge 221 del 2015 che prevede l’arresto da due mesi a sei mesi o ammenda da € 516,00 ad € 2064,00 per foraggiamento abusivo di cinghiali.

Durante l’investigazione le Guardie LAC hanno verificato la reiterazione di questa illecita attività da parte dei quattro, con continuo spargimento di frutta e frumento, dal mese di agosto fino alla fine di ottobre 2020  (vedi in foto).

Un vero e proprio allevamento abusivo a cielo aperto di cinghiali che, a tutte le ore (giorno e notte) si nutrivano del cibo portato dai cacciatori.

Il tutto con il solo scopo di farli crescere velocemente e tenerli sotto controllo, per il successivo abbattimento all’apertura della caccia al cinghiale, ovvero a novembre.

L’aumento delle risorse trofiche per la specie genera un significativo incremento numerico degli individui. Oggi sono considerati in soprannumero, accusati di creare danni alle colture e di provocare incidenti stradali, ma i fatti portati alla luce dalle nostre investigazioni con le continue denunce di cacciatori scoperti a pasturare di nascosto i cinghiali,  parlano da soli sulla responsabilità degli appartenenti al mondo venatorio.

Questi animali sono seguiti, alimentati e abituati alla presenza dell’uomo.  Vengono attirati lungo le strade e nei campi di coltivazioni con grandi quantità di cibo, al fine di farli ingrassare velocemente e concretare il successivo divertimento di sparare loro e guadagnare per la vendita della carne.

Solo nel Grossetano infatti, negli ultimi mesi sono stati denunciati una decina di cacciatori per foraggiamento abusivo di cinghiali.  Tutti i fermati sono appartenenti a squadre di caccia, con un proprio territorio assegnato e di fatto hanno creato, e creano, veri e propri allevamenti a cielo aperto.

I nostri volontari, grazie alle segnalazioni di cittadini,  ripetutamente e con grande impegno e professionalità sono riusciti a fotografare, filmare e segnalare all’Autorità Giudiziaria coloro che foraggiavano abusivamente e a far sequestrare anche mezzi illegali, ben nascosti, appositamente costruiti per tale scopo.

Non dimentichiamo inoltre, che dagli anni ’60 (quando i cinghiali autoctoni erano ormai quasi estinti) i cacciatori hanno introdotto sottospecie diverse dall’originaria, molto più prolifiche e di maggior dimensione a scopo venatorio, e che, solo in Regione Toscana sono oltre 100 gli allevamenti di ungulati, la maggior parte a scopo di ripopolamento. 

E poi diamo la colpa ai cinghiali se sono troppi, o causano danni all’agricoltura o sono coinvolti in incidenti stradali!

Basterebbe semplicemente far pagare tutti i danni a coloro che li hanno reintrodotti, togliere tutti gli allevamenti della fauna selvatica, la commercializzazione della loro carne, e vietare la caccia.

Raimondo Silveri – Presidente LAC

 

 

Le foto dell’investigazione

 

LAC sez. Toscana Nov 2020

Strada Prov.le Aurelia 1 – Loc. Lupo 58023 Giuncarico (GR) cell. 339 2859066 lactoscana@abolizionecaccia.it  lactoscana@gmail.com Facebook https://www.facebook.com/Toscana.lac/

 

SALVA LA NATURA – SOSTIENICI 

 

DOVE SIAMO

Sede Legale:                        Via Ernesto Murolo 11  00145 Roma

 

Iscriviti alla Newsletter

LAC Lega Abolizione Caccia © 2024. All Rights Reserved. |                                                                    C.F. 80177010156

IBAN: IT74 C030 6909 6061 0000 0119 336
BIC BCITITMM

 

oppure
Conto Corrente Postale: 31776206

 

torna