Comunicato stampa 8/3/2022

“Attività di bracconaggio e non certo lavori di idraulica”- la Cassazione conferma la condanna al cacciatore notturno nel Piacentino

Con sentenza n. 8086, depositata il 7 marzo scorso, la 3° Sezione penale della Corte di Cassazione
ha confermato al bracconiere N.C. la pena già stabilita nel novembre 2020 dal Tribunale di Piacenza (2.500 euro di ammenda),
per caccia in periodo di divieto , omessa custodia di arma da fuoco e porto di armi da taglio senza giustificato motivo.

La Suprema Corte è stata chiamata a riesaminare il caso del bracconiere che vagava in auto di notte (ore 00:45) a fari spenti, dandosi alla fuga dopo il controllo di polizia ed abbandonando sul posto una carabina ed un machete da 54 cm. .

La patetica tesi difensiva che l’imputato avrebbe dovuto recarsi al poligono il giorno dopo, essendo munito anche di un machete ed un coltello allo scopo effettuare urgenti lavori di idraulica a casa del cognato, non è stata ritenuta meritevole di considerazione da parte della Cassazione, che oltre a confermare la condanna di primo grado ha , altresì, imposto il pagamento di ulteriori 3.000 euro per spese di procedimento.

 

LEGA ABOLIZIONE CACCIA
Ufficio stampa

DOVE SIAMO

Sede Legale:                        Via Ernesto Murolo 11  00145 Roma

 

Iscriviti alla Newsletter

LAC Lega Abolizione Caccia © 2024. All Rights Reserved. |                                                                    C.F. 80177010156

IBAN: IT74 C030 6909 6061 0000 0119 336
BIC BCITITMM

 

oppure
Conto Corrente Postale: 31776206

 

torna