La Corte Costituzionale ha dichiarato incostituzionale una disposizione della Regione Lombardia contenuta nella l.r. 4/12/2018 n. 17, e su cui la Lega per l’Abolizione della Caccia, assieme ad altre associazioni ambientaliste, aveva inoltrato un dettagliato esposto al Governo, che aveva impugnato tre disposizioni contenute nel testo della stessa l.r. 17/2018 .

I cacciatori per effetto della sentenza C.C. n. 291, depositata il 27/12/2019 , non potranno attendere il momento dell’avvenuto recupero del capo abbattuto, al fine di effettuare le immediate annotazioni obbligatorie sul tesserino venatorio regionale. L’annotazione dell’animale andrà fatta subito dopo l’abbattimento accertato.

Si impedisce pertanto, che il mancato recupero della preda vanifichi il rispetto dei carnieri e falsi le statistiche degli abbattimenti di esemplari di specie cacciabili nella Regione Lombardia.

Ancora una infantile “furberia” di incompetenti amministratori regionali che non passa il vaglio della Consulta.

http://www.giurcost.org/decisioni/2019/0291s-19.html

 

 

DOVE SIAMO

Sede Legale:                        Via Ernesto Murolo 11  00145 Roma

 

Iscriviti alla Newsletter

LAC Lega Abolizione Caccia © 2024. All Rights Reserved. |                                                                    C.F. 80177010156

IBAN: IT74 C030 6909 6061 0000 0119 336
BIC BCITITMM

 

oppure
Conto Corrente Postale: 31776206

 

torna