Proposta di legge Bruzzone C.1548, audizione delle associazioni in commissione agricoltura della Camera.

“Ritirare la PDL, è incostituzionale e contraria alle norme europee.”

Ritirare la proposta di legge che ha come primo firmatario il deputato leghista Francesco Bruzzone e che ha come obiettivo lo smantellamento della legge 157/92, la normativa di tutela della fauna selvatica italiana, in conformità a quanto previsto da direttive europee e convenzioni Internazionali, in favore della “caccia no-limits”.

È quanto hanno chiesto ieri le associazioni Enpa, Lac, Lav, Legambiente, Leidaa, Lipu, Lndc Animal Protection, Oipa, Federazione Nazionale Pro Natura e Wwf Italia nel corso dell’audizione presso la Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati sul testo in questione.

«La p.d.l.  Bruzzone prosegue nella strada della deregulation venatoria selvaggia operata negli ultimi mesi dal Governo e dal Parlamento, e mette in serio rischio la sopravvivenza di molte specie selvatiche che, in caso di approvazione della pdl., saranno nel mirino delle doppiette 7 giorni su 7, senza tregua e senza alcuna possibilità di sottrarsi alle fucilate dei cacciatori», spiegano le Associazioni. «Ma la proposta di legge del deputato leghista è anche uno schiaffo all’Europa e alla nostra stessa Costituzione, il cui articolo 9 recentemente novellato – proseguono le associazioni ambientaliste e animaliste – cita espressamente la tutela dell’ambiente, della biodiversità, degli ecosistemi e degli animali».

Molti gli articoli della p.d.l.  Bruzzone contestati dalle associazioni durante l’audizione, a partire da quello che prevede la possibilità di sparare 7 giorni su 7, abolendo di fatto quelle giornate di silenzio venatorio che per migliaia di animali rappresentano una fondamentale, per quanto limitata, tregua dalle fucilate.

Scandalosa l’ipotesi di non sospendere più la licenza a chi è condannato in via definitiva per il reato di caccia di frodo  periodo di divieto generale.

Altro grave obiettivo, invece, è quello di riconoscere un vero salvacondotto a quelle regioni che, più o meno intenzionalmente, dovessero approvare calendari venatori “illegittimi”. La pdl propone infatti che tali calendari siano e emanati come provvedimento legislativo regionale (per di più con validità quinquennale) e non più come atto amministrativo stagionale .  “Ciò significa che nel caso in cui vi fossero violazioni normative, i calendari non potrebbero più essere impugnati, ed eventualmente sospesi in via cautelare dai TAR.”

Sotto accusa sono finiti anche gli articoli  che, di fatto, finiscono per depenalizzare e liberalizzare i traffici degli uccelli imprigionati e sfruttati come richiami vivi, vanificando la tracciabilità degli animali. «Oggi possono essere usati come richiamo soltanto gli esemplari allevati, non quelli catturati in natura. È evidente che eliminare la tracciabilità tramite anelli metallici inamovibili – spiegano Enpa, Lac, Lav, Legambiente, Leidaa, Lipu, Lndc Animal Protection, Oipa, Federazione Nazionale Pro Natura e Wwf Italia – non permetterà di distinguere tra un richiamo allevato e uno fraudolentemente catturato in natura».

Infine, la proposta di consentire la caccia  con impiego di termocamera per uso notturno è in aperto contrasto coi divieti d’impiego di convertitori di immagine sanciti  in proposito dalla “Direttiva Habitat” dell’UE e dalla Convenzione di Berna sulla protezione  della vita selvatica in Europa.

LAC – LEGA per l’ABOLIZIONE della CACCIA
Ufficio comunicazione

DOVE SIAMO

Sede Legale:                        Via Ernesto Murolo 11  00145 Roma

 

Iscriviti alla Newsletter

LAC Lega Abolizione Caccia © 2024. All Rights Reserved. |                                                                    C.F. 80177010156

IBAN: IT74 C030 6909 6061 0000 0119 336
BIC BCITITMM

 

oppure
Conto Corrente Postale: 31776206

 

torna