MANTENERE ALTA LA VIGILANZA SOCIALE SULLE PRESSIONI DELL’INDUSTRIA ARMIERA

 

Per la LAC è indispensabile che la società civile mantenga alta la vigilanza sulle costanti pressioni esercitate verso i media ed il mondo politico, per non dire le ambigue commistioni, finalizzate a tutelare i meri interessi economici dell’industria armiera.

 

Ne sono testimonianza, nel mondo della caccia e non solo, i maldestri camuffamenti delle industrie produttrici di armi e munizioni, rappresentate frequentemente dalla più tranquillizzante sigla del cosiddetto  “Comitato Nazionale Caccia e Natura (CNCN)”, che ha per  associati aziende del settore come Beretta, Benelli, Baschieri & Pellagri, Fiocchi, Fabarm ed altre ancora.

CNCN, a sua volta,  si è unita alle associazioni venatorie Federcaccia, Enalcaccia, ANLC, Arcicaccia, ANUU-Migratoristi, Italcaccia, EPS , nella sedicente  “Cabina di Regia unitaria del mondo venatorio”.

CNCN figura anche tra i soci fondatori di un’altra sigla posticcia:  “Fondazione UNA (uomo, natura e ambiente)”, che si spaccia per promotrice della tutela della biodiversità, ma che ha casualmente  per direttore esecutivo Daniele Bertoni, a sua volta Organization Director & Deputy General Manager della  FABBRICA D ‘ ARMI PIETRO BERETTA – S.P.A. .

In questi contesti appaiono quasi più sincere, sia pure rimanendo sfacciate ed intollerabili, uscite come quelle dell’europarlamentare Pietro Fiocchi (FdI) con attività politica filo-venatoria  a Strasburgo fondata sul frequente conflitto di interessi, o del sottosegretario  alla Presidenza del Consiglio Fazzolari (sempre FdI), che  – stando ad un recente articolo de La Stampa-  non trova di meglio di cui occuparsi se non di proporre un progetto di insegnamento del tiro a segno nelle scuole.

LAC – Lega per l’Abolizione della Caccia
What's your reaction?
11Cool0Upset0Love0Lol

Add Comment

DOVE SIAMO

Via Andrea Solari 40
20144 Milano

Iscriviti alla Newsletter
torna