Preapertura e stagione venatoria – ricordatevene il 25 settembre

1 settembre 2022
 
La caccia in Italia è consentita dalla 3° Domenica di Settembre al 31 Gennaio, nel rispetto del calendario venatorio emesso da ogni Regione.
Alcune Regioni però hanno approvato una preapertura nei primi giorni di Settembre, autorizzando così più giorni di caccia e consentendo di uccidere un ulteriore grande numero di fauna selvatica.
Sarà una pre-apertura e una stagione venatoria in sostanziale assenza di controlli, dovuta a un riordino delle Province voluto dal Governo Renzi che ha determinato in molti casi l’azzeramento dei corpi di Polizia Provinciale deputati ai controlli venatori e lo scioglimento del Corpo Forestale dello Stato.
I successivi governi non hanno portato migliorie, non hanno nemmeno attuato il Piano Nazionale antibracconaggio, un Piano d’azione contro il bracconaggio sugli uccelli selvatici, già accordato fra le Regioni, che prevedeva potenziamento del Comando Unità per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare dei Carabinieri (unità data dall’assorbimento del Corpo Forestale nell’Arma dei Carabinieri), la riorganizzazione e la regionalizzazione dei Corpi provinciali di Vigilanza Venatori, la formazione dei magistrati, l’uniformazione delle competenze da attribuire alle guardie venatorie volontarie e l’adeguamento del quadro normativo nazionale per rendere più incisiva l’attività di vigilanza e controllo, con inasprimento delle sanzioni per i reati venatori, fino alla revoca definitiva della licenza di caccia.
 
Sarà di vitale importanza per la difesa della Natura tutta, il voto espresso dagli italiani il 25settembre.
 
La LAC anche quest’anno è in prima fila in difesa della fauna selvatica e per tutelare la biodiversità
con diffide, ricorsi ai TAR (Tribunali amministrativi Regionali) al fine di richiedere l’annullamento di atti scellerati deliberati dalle Regioni e con richieste di impugnazione al Governo nei casi di delibere, Calendari Venatori e piani inaccettabili approvati attraverso Leggi Regionali.
 
La preapertura 2022 è stata deliberata in Abruzzo,Basilicata,Calabria,Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio,Lombardia(solo Brescia),Marche,Molise,Piemonte, Puglia,Sardegna,Toscana (un giorno), Trentino-Alto Adige, Veneto. In Valle d’Aosta, Liguria e in gran parte della Lombardia a forza di ricorsi è mancata la preapertura e quest’anno anche i cacciatori di Campania e Sicilia non l’hanno ottenuta.
In Campania l’amministrazione regionale ha scelto, per il secondo anno consecutivo, di non concedere nessuna preapertura, in Sicilia invece il TAR, grazie a nostro ricorso con altre associazioni, l’ha sospesa totalmente. In molte regioni alcune specie non sono state inserite nelle cacciabili, nelle Marche ad es., Regione che aveva la preapertura più ampia di tutte, è intervenuto il TAR grazie a ricorso, sospendendo il prelievo di Alzavola, Germano reale, Marzaiola e Quaglia. Va dunque detto che grazie al perseverare di chi difende la natura, ai costanti ricorsi, siamo riusciti a ridurre le specie cacciabili in preapertura e i giorni dei calendari venatori per acquatici e altre specie. Sono già state scluse in molte regioni dalle cacciabili specie per le quali grazie a nostri ricorsi avevamo ottenuto la sospensione di preapertura l’anno scorso.
Vedremo nei prossimi giorni quali notizie arriveranno per altri ricorsi da parte di LAC.
 
Cosa può fare intanto un buon cittadino?
Può dare la massima attenzione e tenere a mente che la caccia in questi giorni di preapertura nella maggior parte delle Regioni può essere esercitata solo da appostamento fisso o temporaneo (Verificate le modalità di caccia e le specie consentite sul sito dell’ Ufficio Territoriale Regionale della vostra regione).
Raccomandiamo a chi vede cacciatori che esercitano la caccia vagante di chiamare i CARABINIERI FORESTALI o POLIZIA PROVINCIALE, o qualsiasi corpo di polizia.
Per qualsiasi consiglio o informazione chiamate le Guardie Venatorie Volontarie LAC di zona
oppure lasciate un messaggio al nostro centralino e verrete richiamati
numero telefonico 02 47711806
 
Logo LAC
 

Lega per l'abolizione della caccia

Via Andrea Solari 40 – 20144 Milano
Codice Fiscale 80177010156