Appostamenti fissi in Lombardia-quali autorizzazioni?

Gli appostamenti fissi di caccia in Lombardia sono autorizzati sotto il profilo paesaggistico e urbanistico-edilizio?

 

Salò, località Rucculì, appostamento fisso di caccia

Le associazioni ambientaliste LAC- Lega per l’Abolizione della Caccia e GRIG-Guppo d’Intervento Giuridico, hanno inviato (3 giugno 2022) una specifica istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti in relazione a un appostamento fisso di caccia nella località boscosa di Rucculì, in Comune di Salò (BS).

Coinvolti il Ministero della Cultura, il Comune di Salò, l’Ufficio Territoriale Regionale di Brescia, la Soprintendenza bresciana per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio, i Carabinieri Forestale, informata per opportuna conoscenza la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Brescia.

In Lombardia gli appostamenti fissi di caccia sono autorizzati ai sensi della legge regionale Lombardia n. 26/1993 e s.m.i. (art. 25, comma 5°), tuttavia non si ha certezza del rispetto della normativa di tutela paesaggistica (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.) e urbanistico-edilizia (D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.).

Serle, Altopiano di Cariadeghe, capanno di caccia (loc. Bus del Zel)

La giurisprudenza costituzionale ha affermato chiaramente che non compete al legislatore regionale disciplinare ipotesi di esenzione, rispetto ai casi per i quali la normativa dello Stato subordina l’esecuzione di un intervento al rilascio dell’autorizzazione paesaggistica (es. Corte cost. n. 66/2012), posto che tale istituto persegue, finalità di tutela dell’ambiente e del paesaggio, rispetto alle quali la legge regionale, nelle materie di propria competenza, può semmai ampliare, ma non ridurre, lo standard di protezione assicurato dalla normativa dello Stato e penale.

Merlo femmina (Turdus merula)

Così ha affermato la Corte costituzionale anche in tema di appostamenti fissi di caccia (Corte cost. n. 139/2013) e di analogo orientamento è la giurisprudenza penale (vds. Cass. pen., Sez. III, 7 luglio 2016, n. 28233).

In Veneto, un’ampia campagna di accertamenti e interventi ha portato negli anni scorsi all’intervento della magistratura, della polizia giudiziaria e di varia amministrazioni locali con alla successiva rimozione di numerosissimi altane e capanni di caccia abusivi e al conseguente ripristino ambientale.  

Nella Regione Lombardia sono decine di migliaia gli appostamenti fissi di caccia, circa 8 mila solo nella Provincia di Brescia.

Per andare a caccia si può costruire quello che si vuole? 

Difficile sostenerlo, ora si attendono gli esiti dei controlli richiesti.

Negli anni scorsi, dopo anni di denunce e istanze ecologiste, gli appostamenti fissi di caccia sul Lago d’Iseo sono stati finalmente rimossi.

GRIG- Gruppo d’Intervento Giuridico     LAC-Lega per l’Abolizione della Caccia sez.Brescia

 

Lago d’Iseo, capanno di caccia. Negli anni a seguire sono stati rimossi grazie alle azioni delle associazioni LAC e GRIG

(foto per conto GrIG, S.D., archivio GrIG)

4 giugno 2022

 

Lega per l'abolizione della caccia

Via Andrea Solari 40 – 20144 Milano
Codice Fiscale 80177010156