LAC Toscana-Dondo-il cinghiale salvato e coccolato

Fra le tante notizie di nuovi ordini di inutili e cruenti massacri di Cinghiali, tra le quali l’annuncio dell’Ordinanza del Commissario Straordinario per l’emergenza “peste suina” a Roma, per la quale LAC sta valutando la possibilità di ricorrere nelle opportune sedi, pubblichiamo una buona notizia:
Dondo è salvo: non sarà ucciso. Vivrà al sicuro e coccolato dalla LAC
Vedi il video di come si gode le coccole 🙂
👇

https://www.youtube.com/shorts/qtIEaivMJkw

 

Il cinghiale di Ravi (Grosseto), è in salvo grazie alla collaborazione tra la LAC e la Polizia Provinciale.

Dondo era diventato amico di molte persone nel Paese di Ravi, tanto che il Sindaco aveva chiesto ai suoi paesani di non dargli più cibo e rispettare la normativa, per evitare involontari incidenti e per rispondere alle richieste di chi non gradiva la presenza del suide.

Prese giustamente le distanze da chi ne chiedeva la cattura per l’abbattimento, LAC sez.Toscana e il Presidente LAC si è mossa per evitarne l’uccisione ed è riuscita ad ottenere che il cinghiale di Ravi venga ospitato in un terreno recintato con la supervisione dell’associazione e dove d’ora in poi godrà la sua vita vicino ai boschi che l’hanno visto nascere.
Non vi sono dubbi infatti che il cinghiale Dondo sia stato allevato da piccolo con la costante presenza umana e, presumibilmente abbandonato da qualcuno per paura dei controlli che ultimamente si sono intensificati in seguito all’emergenza per la peste suina che si sta propagando in alcune Regioni. Al riguardo ricordiamo infatti che la detenzione di ungulati se non provenienti da allevamenti e regolarmente autorizzati è severamente vietata.

La LAC è sempre stata contraria all’uccisione di Dondo poiché, a nostro avviso, non se ne configurava la necessità. Sarebbe stato come uccidere un cane o un qualsiasi altro animale da affezione, poiché si fa accarezzare e segue le persone senza arrecare alcun serio pericolo. La soluzione più semplice, era quella di dargli rifugio in apposita struttura idonea.

E forse il Cinghiale Dondo aveva probabilmente già fiutato il pericolo e deciso di recarsi in un luogo sicuro: da un paio di giorni prima dell’accordo ottenuto infatti, si aggirava nei dintorni di una delle nostre strutture e ora grazie ad accordi con la Polizia Provinciale di Grosseto è stato deciso di chiuderlo in un fondo recintato, per metterlo in sicurezza.

Inizieremo immediatamente l’iter burocratico con la Regione per l’affidamento definitivo di Dondo.

Per chi volesse informarsi su Peste Suina e causa https://www.abolizionecaccia.it/blog/2020/11/peste-suina-altro-pretesto-per-uccidere-cinghiali/
https://www.abolizionecaccia.it/blog/2022/01/peste-suina-africana-e-cinghiali-cosa-dice-la-scienza/ 

 


in foto: Dondo e il Presidente LAC Raimondo Silveri

20.05.2022

Contatti LAC sez.Toscana: Raimondo Silveri Strada Prov.le Aurelia 1 • Loc. Lupo 58023 Giuncarico (GR) tel cell. 339 2859066 lactoscana@abolizionecaccia.it  lactoscana@gmail.com

 

 

Lega per l'abolizione della caccia

Via Andrea Solari 40 – 20144 Milano
Codice Fiscale 80177010156