LAC Toscana-cinghiali salvi da fucilate e liberi di vivere in oasi

Quattro cinghiali sono stati catturati e destinati ad associazioni venatorie (da inserire in zone recintate per il divertimento dei cacciatori). Questa era la loro sorte.

Ma la  Procura della Repubblica di Savona ha contattato la LAC Sez. Toscana,  e successivamente, grazie al Nucleo di Vigilanza Venatoria Faunistico e Ambientale della Regione Liguria, i quattro cinghiali  hanno potuto raggiungere uno dei tre rifugi-oasi  della LAC in Toscana.

Il tutto è stato possibile anche  grazie ad un medico veterinario della ASL 2 di Savona, che ha eseguito i prelievi di rito e messo, come da normativa, marche auricolari di riconoscimento prima di far  partire i cinghiali dal luogo del sequestro e, il giorno successivo, all’arrivo presso uno dei tre centri della LAC in Toscana, sono stati rivisitati  da un  Medico Veterinario dell’ASL 9 di Grosseto.

Adesso due di loro (di sesso maschile) saranno sterilizzati  e per tutti e quattro inizierà una nuova vita tranquilla, serena e lontano dal pericolo di sfruttamento e maltrattamento.

D’ora in poi vivranno in un luogo  meraviglioso, circondati da altri animali anch’essi provenienti da sequestri o maltrattamenti, lontano da cani da caccia, da loro aggressioni e dai fucili dei cacciatori.

Raimondo Silveri – Responsabile LAC Sez. Toscana e Presidente LAC- Lega per l’Abolizione della Caccia

LAC sez.Toscana- Strada Prov.le Aurelia 1 – Loc. Lupo 58023 Giuncarico (GR) cell. 339 2859066 lactoscana@abolizionecaccia.it  lactoscana@gmail.com

Facebook https://www.facebook.com/Toscana.lac/

i cinghiali ora salvi in oasi

 

SOSTIENICI

Diventa socio LAC: La nostra associazione dedica ogni sua forza alla difesa della natura e della fauna selvatica.

 

 

Lega per l'abolizione della caccia

Via Andrea Solari 40 – 20144 Milano
Codice Fiscale 80177010156