Un ringraziamento speciale all’avv.to Claudio Linzola

Un ringraziamento speciale all’avv.to Claudio Linzola

Domenica 4 0ttobre 2020, all’Assemblea annuale dei soci, abbiamo voluto riservare una parentesi che avrebbe dovuto essere prevista da molto tempo. Abbiamo avuto il piacere di avere tra noi una persona alla quale dobbiamo una lunghissima serie di vittorie giudiziarie nella nostra attività in difesa degli animali e dell’ambiente.

Spesso quelle che potremmo definire le ragioni del cuore, ovvero quelle di quella parte di umanità che ritiene fondamentale vivere in questa Terra senza raderla al suolo, si scontrano con quelle del diritto. Un diritto che è uno strumento fondamentale di democrazia, ma che può rivelarsi un’arma a doppio taglio, e che in qualche occasione viene costruito solo per tutelare i poteri forti. Bisogna saperci fare, insomma, perché diventi una corazza per i più deboli. Bisogna conoscere a fondo le secche, le trappole e anche le occasioni offerte dalla lettura di leggi e codici. E bisogna avere il gusto della sfida, la capacità e il desiderio di «girare» articoli, commi, sentenze pregresse nella direzione della vera tutela delle cose preziose; fondamentali.

Non basta insomma un avvocato qualsiasi, un legale ancorato alle consuetudini, desideroso di una vita facile e tranquilla e con obiettivi di basso profilo. Serve una persona che frequenti abitualmente il coraggio, la cultura legale e che coltivi il sogno di un mondo in cui a vincere siano davvero e solo quelli che hanno ragione. Una ragione originale che si eredita dalla vita e che è propria di tutti gli esseri senzienti non umani.

Registrando una botta di fortuna straordinaria, la nostra associazione ha incontrato ormai tanti anni fa un avvocato appartenente a questa specie rara, e grazie a lui, alla sua capacità e alla sua determinazione (senza dimenticare l’altra dote fondamentale, quella della generosità) ha potuto accumulare una serie impressionante di vittorie nella lotta costante che la LAC dedica alla protezione di tutte le specie, rare e non.

Grazie all’instancabile lavoro di Claudio Linzola, instancabile ed entusiasta, come si addice appunto ai coraggiosi, decine e decine di tentativi di aggiramento o di brutale azzeramento delle poche ma di solito buone norme che il nostro Paese è riuscito nonostante tutto a varare in difesa dei diritti dell’ambiente e della fauna sono stati fermati. Tantissime battaglie combattute nelle sedi dei TAR , così come nelle aule del Consiglio di Stato, hanno smascherato e neutralizzato le politiche illegali e vergognosamente clientelari che tante Regioni italiane, Lombardia, Liguria e Veneto in testa, hanno promosso per ottenere consenso elettorale da una minoranza sempre più ridicola, ma sempre potentissima, di aventi diritto di uccidere.
Il prezioso lavoro dell’avvocato Linzola ha messo su un metaforico banco degli imputati l’inesauribile prassi del voto di scambio tra doppiette, oltranzismo venatorio e politici di tanti schieramenti diversi. E le numerosissime vittorie che ha ottenuto non hanno solo reso evidente la piccolezza umana e politica di una categoria, quella dei cacciatori, in cerca solo di una licenza di sparo continuo e a qualsiasi cosa, ma anche, cosa probabilmente più importante, la fortissima tendenza alla prostituzione di intere amministrazioni pubbliche, provinciali prima e regionali poi.

Solo per citare i casi più eclatanti e soprattutto recenti, il lavoro legale di Claudio Linzola ha permesso di buttare nel cestino l’intero calendario venatorio 2020-2021 della Liguria, mettendo in forse la possibilità stessa di andare a caccia nei prossimi mesi in quella Regione. Ci ha aiutato a fermare la pulizia etnica voluta dal Trentino nei confronti degli orsi che fanno gli orsi e, chiudendo un capitolo rimasto aperto per quasi vent’anni, ci ha permesso di costringere la Lombardia (che comunque sta già giocando a nascondino su questo tema) ad allargare l’elenco dei valichi montani attraversati dagli uccelli migratori in cui vietare qualsiasi forma di caccia.
Non c’è niente di casuale in questi risultati. Ci sono invece esperienza, conoscenza profonda delle procedure e delle norme, sensibilità rispetto alle sfumature che colpiscono i magistrati. E ci sono, ancora una volta, il coraggio e la determinazione nel riportare i poteri forti al rispetto di leggi che riguardano anche loro.
Non basterebbero righe e righe per elencare i successi ottenuti per conto della LAC dall’avvocato Linzola, e ci piace pensare che insieme a noi, all’intera associazione che gli esprime la sua enorme gratitudine, a ringraziarlo siano anche i milioni di animali che ha contribuito a salvare.

Il genio è poca cosa senza cuore e coraggio

La Lega per l’Abolizione della Caccia e
gli tutti animali salvati
ringraziano Claudio Linzola

Claudio Linzola

👇
VEDI LE VITTORIE OTTENUTE DALLA LAC 

SOSTIENICI – DIFENDI LA NATURA 

 

Lega per l'abolizione della caccia

Via Andrea Solari 40 – 20144 Milano
Codice Fiscale 80177010156