Grosseto-due cacciatori denunciati per bracconaggio dalle Guardie della LAC

Due cacciatori sono stati denunciati dalle guardie della LAC nei giorni scorsi perché sorpresi a posizionare lacci per la cattura di istrici e cinghiali.

Il primo cacciatore è stato denunciato a Caldana nel Comune di Gavorrano (GR). Le guardie della LAC dopo aver scoperto tre lacci per la cattura di istrice  si sono appostate prima dell’alba nei  pressi di in un laccio disattivato,  il  bracconiere verso le 07:00 si è avvicinato e ha riarmato alla perfezione il laccio,  le guardie uscite dalla vegetazione hanno provveduto a identificare l’uomo  e contattare la polizia provinciale di Grosseto  che giunta sul posto ha sequestrato i lacci e denunciato il cacciatore per esercizio di caccia in periodo di divieto generale e uso di mezzi illeciti per attività venatoria.

Il secondo cacciatore è stato denunciato a Tirli, nel Comune di Castiglione della Pescaia (GR), le guardie della LAC dopo aver scoperto due  lacci (uno per la cattura di cinghiali, l’altro probabilmente per istrice  si sono appostate al mattino presto nei  in un laccio disattivato,  il  bracconiere verso le 07:00 si è avvicinato e ha riarmato il laccio,  le guardie uscite dalla vegetazione hanno provveduto a identificare l’uomo  e contattare i Carabinieri Forestali che giunti sul posto hanno provveduto a sequestrare i mezzi illegali e denunciare  il cacciatore per esercizio di caccia in periodo di divieto generale e uso di mezzi illeciti per attività venatoria.

E’  triste ancora oggi scoprire che si fa uso di mezzi spietati come i lacci (cavi di acciaio con cappio a scorrimento) che uccidono gli  animali dopo lunghe ore di sofferenze. I Lacci normalmente  sono posizionati dai bracconieri  nei pressi di passaggio degli animali,  e non  essendo selettivi catturano qualsiasi  animale che transita in quel punto (cani, gatti, lupi, volpi, cinghiali, caprioli, ecc. ) che  trovano  la morte soffocando lentamente, una vera tortura che nel 2020  non dovrebbe più esistere.

Due grossi colpi messi a segno dalle guardie della LAC ormai esperte, che da anni vigilano per far rispettare le normative in materia venatoria, ambientale e per il  benessere degli animali.

Raimondo Silveri – Presidente LAC

Lacci per istrice
laccio per cinghiali
laccio per istrice con esca

 SOSTIENICI  

 

 

 

 

Lega per l'abolizione della caccia

Via Andrea Solari 40 – 20144 Milano
Codice Fiscale 80177010156