LAC Toscana-foraggiamenti abusivi-raffica di denunce

Grazie alla collaborazione della vigilanza volontaria LAC Toscana con la Polizia Provinciale di Grosseto, a seguito di indagini mirate durate più di sei mesi, si è riusciti nelle ultime settimane ad individuare distributori abusivi di cibo per cinghiali ben nascosti e situati in aree di difficile accesso. Sono stati identificati anche due cacciatori, appartenenti a due distinte squadre di caccia al cinghiale, che si occupavano della manutenzione e della ricarica delle apparecchiature.

Il foraggiamento abusivo dei cinghiali, oltre ad essere sanzionato amministrativamente dalla Regione Toscana, dalla fine dell’anno 2015 riveste anche rilevanza penale. Per tale ragione i due cacciatori identificati, uno nella zona del Monte Argentario, l’altro nelle campagne di Scansano, oltre ad essere stati verbalizzati con una sanzione pecuniaria amministrativa, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Grosseto.

I tre distributori automatici di mangime perfettamente funzionanti, due riconducibili ai soggetti denunciati, l’altro ad ignoti, sono stati posti sotto sequestro penale e messi a disposizione dell’autorità giudiziaria.

E’ evidente che il “problema cinghiale” è dovuto al commercio  della sua carne, questa ne è la prova,  si governano gli animali tutto l’anno per una maggiore riproduzione e per averne a disposizione quando e nella quantità voluta…

Leggi qui la notizia riportata

in foto: uno dei foraggiamenti abusivi scoperto dalle nostre guardie
un altro dei punti di foraggiamento abusivi per cinghiali
altro punto di foraggiamento abusivo scoperto dalle nostre guardie

 

Molti altri sono stati denunciati dai Carabinieri Forestali sempre su Ns. segnalazione.

 

 

 

 

 

LAC Toscana-Raimondo Silveri

Strada Prov.le Aurelia 1-Loc.Lupo 58023

Giuncarico – Grosseto Tel.339 2859066

mail : lactoscana@gmail.com

Facebook : https://www.facebook.com/Toscana.lac/