News Dicembre 2019 LAC Piemonte

 

Carissimi Soci/e, Simpatizzanti, Amici/che,

il 2019 ha visto lo spostamento della sede di LAC Piemonte da Collegno a Torino. Il risultato è costato qualche sacrificio, ma ha portato molte soddisfazioni. Ora disponiamo di una sede facilmente raggiungibile anche con i mezzi pubblici, utilizzabile tutto l’anno, in una zona di Torino vivibile e semicentrale. A partire dal mese di settembre numerose sono state le sere utilizzate per incontri e appuntamenti. Il prossimo 6 dicembre ricorderemo in Corso Peschiera 320 l’amico Oscar Giordanino, storico componente degli Zauber e sostenitore delle nostre iniziative. Con l’avvento del Registro Unico Nazionale Terzo Settore LAC Piemonte manterrà la propria caratteristica di associazione di volontariato avendo acquisito il diritto di aggiungere la sigla O.D.V (Organizzazione Di Volontariato) al proprio nome. Molto positiva è stata la partecipazione al Tavolo Animali & Ambiente. Con S.O.S. GAIA il prossimo 20 dicembre 2019 in Piazza Statuto 15 alle ore 19 festeggeremo insieme l’anno che sta per finire e l’arrivo del 2020 che richiederà ancora un grande impegno di tutti viste le nuvole nere che incombono sulla fauna selvatica piemontese con l’insediamento della nuova amministrazione regionale.

Vi aspetto numerosi. Il Presidente Marco Lorenzelli

TORNA ALLA NATURA LA SPONDA DESTRA DEL TORRENTE MALONE NEL COMUNE DI RIVAROSSA (TO)

Occupata abusivamente per 15 anni da un accampamento di pastori la sponda dx del Malone ha visto maltrattamenti e macellazioni di animali, abbandoni e combustione di rifiuti, sversamenti e inquinamento del suolo e delle acque. La battaglia della LAC per recuperare il territorio iniziata a gennaio 2016 è durata quasi quattro anni. Ora siamo all’epilogo.

Ci sono voluti numerosi sopralluoghi, segnalazioni, denunce e non meno di due diffide per costringere le Autorità interessate, ognuna per le proprie competenze, ad intervenire.
Dall’area, ora abbandonata dai pastori, sono stati rimossi a cura del Comune di Rivarossa tutti i resti dell’accampamento (motori, autoveicoli, trattori, roulottes, rifiuti vari) e accumulati sulla Via Parco della Rimembranza.
Con ordinanza del 11/11/2019 il Sindaco di Rivarossa ha ordinato alla ditta Tecno Service di recuperare e smaltire in discarica entro 10 giorni tutto quanto rimane dell’accampamento. Tra 10 giorni tutte le tracce dell’accampamento che per 15 anni ha occupato le sponde di quello che era il più bel fiume del Piemonte saranno scomparse.
Un grazie alle guardie volontarie di LAC Piemonte e ai soggetti pubblici che hanno lottato per la legalità e la salvaguardia ambientale.

Giuseppe Spampinato-Roberto Piana

CAMPAGNA CINGHIALI


Ogni anno il numero di cinghiali abbattuti dai cacciatori e durante gli interventi di controllo aumenta. Aumentano ogni anno il carniere stagionale concesso ai seguaci di Diana, e le giornate concesse all’attività venatoria. Il cinghiale ormai si caccia tutto l’anno e fiorisce intorno a questo mammifero un mercato milionario legato alla vendita della carne. Contemporaneamente la presenza del cinghiale sul territorio aumenta insieme ai danni arrecati alle colture agricole, nonché gli incidenti stradali. Aumentano le persone ferite e uccise durante le battute. Si stimano 2 milioni i capi diffusi sul territorio nazionale.

Le vere ragioni di questa diffusione del cinghiale ormai sono note a tutti, ma la classe politica finge di ignorarle e affronta le problematiche dei danni arrecati dal cinghiale all’agricoltura favorendone la caccia. Le associazioni degli agricoltori purtroppo sostengono queste politiche fallimentari

E’ della caccia la responsabilità della diffusione del cinghiale, proprio dove molti pensano si trovi la soluzione.

La caccia, soprattutto se effettuata con i cani, determina la disgregazione dei branchi che sarebbero stanziali e che diventano erratici. I cacciatori sparano ai soggetti adulti e risparmiano piccoli e femmine gravide per non compromettere le prede del futuro. In assenza degli adulti i giovani si riproducono prima, le femmine perdono la sincronizzazione dell’estro. Aumentano così le nascite. I cani stanano gli animali da aree boscate dove non arrecano danni e costringono i branchi ad occupare aree anche intensamente coltivate. Le recinzioni elettriche dei coltivi, oggi realizzate con tecniche che in condizioni normali sarebbero altamente efficaci, vengono travolte dagli animali spaventati dai cani e dagli spari. Gli incidenti stradali aumentano in maniera esponenziale nei peridi di maggiore pressione venatoria. L’invasione della zone urbane avviene quasi sempre nei giorni di caccia. Il cinghiale non è specie pericolosa per l’essere umano. Le poche aggressioni da parte dei cinghiali sono legate a comportamenti scorretti umani. La paura del cinghiale è creata artificiosamente per incentivarne la caccia.

La LAC ed il Tavolo Animali & Ambiente hanno prodotto un corposo documento con serie proposte per affrontare le problematiche relative alla diffusione del cinghiale.

Il divieto di caccia e dell’uso dei cani, lo sviluppo delle tecniche antifecondative, l’incentivo alla convivenza pacifica con le specie selvatiche, rappresentano alcuni dei moltissimi punti qualificanti la

CAMPAGNA CINGHIALI “

che sarà iniziativa prioritaria della LAC nel prossimo anno sia a livello locale e sia a livello nazionale.

Roberto Piana

Abbiamo bisogno anche del Vostro aiuto.

SOSTENETECI CON UN CONTRIBUTO CCP n. 33346107 intestato Lega Abolizione Caccia Sezione Piemonte – inserendo nella causale: “ Pro Campagna cinghiali”. 

 

VITTORIA AL TAR

Pessimo inizio per la Giunta Regionale.

Prima censura per l’assessore Protopapa.

A seguito della Camera di consiglio del 16 ottobre 2019 il TAR del Piemonte ha accolto il ricorso presentato da LAC, LAV, Legambiente L’Aquilone, SOS Gaia e sospeso il Calendario venatorio 2019/2020 nelle parti che consentivano ai cacciatori di non annotare immediatamente sul tesserino regionale il capo abbattuto.

L’annotazione posticipata “a recupero avvenuto” consentiva a non pochi cacciatori di non recuperare immediatamente l’ungulato abbattuto e conservare l’assegnazione del capo per un altro abbattimento fuorilegge.

Giova far presente che questa maggioranza in Consiglio Regionale si è schierata a favore dei cacciatori e medita di cancellare le limitazioni dell’attività venatoria conquistate in 30 anni. Questa è la stessa maggioranza che nel 2012 ha impedito il referendum regionale contro la caccia abrogando tout court la L.R. n. 70/96.

LA NOTTE DELL’OSCAR

LAC PIEMONTE o.d.v. presenta una serata musicale in ricordo di

OSCAR GIORDANINO

storico componente del complesso degli ZAUBER e sostenitore delle iniziative della LAC.

Presso sede di LAC Piemonte o.d.v. Corso Peschiera n. 320 a Torino –

Venerdì 6 dicembre 2019 – ore 21,00

Ascolteremo le sue più belle canzoni. Partecipano: Anna Valeggia, Rosanna Galleggiante, Giulia Cavagliato e gli ZAUBER

(Leo Fiore, Massimo Cavagliato, Mauro Cavagliato).

Seguirà un brindisi in ricordo e allegria.

Per informazioni e prenotazioni:

zaubermc@gmail.com

««««««««««