Manifestazione Nazionale Contro la Caccia. Brescia, Sabato 15 Settembre 2012

http://www.abolizionecaccia.it/uploads/tx_lac/Brescia1509_fbth.png

Manifestazione nazionale contro la caccia - 15/09/2012 - Brescia


Caccia a Passo Gale, Colle San Zeno (Bs)

LA CACCIA RICOMINCIA: DICIAMO NO AL MASSACRO!

 

L'apertura della stagione di caccia sarà ancora una volta l'occasione di manifestare a gran voce tutto il nostro dissenso per una pratica barbara e crudele che ogni anno uccide milioni di animali.
A Brescia, capitale delle fabbriche di armi per la caccia e per la guerra, diciamo NO alla cultura di morte e alla violenza giustificata da una tradizione inaccettabile.
Il corteo partirà da Via Volturno (Piazzale Iveco) alle ore 15.

 

Gruppo ed associazioni che vogliano aderire e collaborare possono contattarci all'indirizzo INFO LAC

 

La Lombardia, e Brescia in particolare, è la capitale della pratica della caccia da capanno con l'utilizzo dei richiami vivi. Ogni anno da quella provincia arrivano richieste dei cacciatori di aprire i roccoli, le strutture in cui vengono catturati legalmente alcune decine di migliaia di uccelli che vengono dati gratuitamente ai cacciatori che li usano come uccelli da richiamo nella caccia da capanno.

Quest'anno grazie alle decennali battaglie legali della LAC, la regione Lombardia è stata costretta a non promulgare come ha fatto gli scorsi anni una legge per consentire la cattura degli uccelli migratori.
Gli intenti dei cacciatori, per ora, sono infatti stati bloccati da numerose sentenze del Tar, della Corte Costizionale e dalle minacce preventive di sanzioni da parte della commissione europea.

Si prevede che nella seconda metà di settembre i cacciatori riprovino a far passare una delibera che consenta la riapertura dei roccoli. Se ciò accadesse agiremo prontamente, ancora una volta, ricorrendo contro queste decisioni della regione.

Oltre a questo un altra pressante richiesta che viene dal mondo della caccia bresciana, è il poter cacciare uccelli protetti. In particolare passeri, storni, fringuelli e peppole.

Prendendo a pretesto la possibilità di derogare che la Direttiva Europea permette (ma solo in modalità molto rigide e contenute), anche qui la regione ha tentato negli anni scorsi di legiferare a favore della caccia a questi animali protetti.

Anche in questo caso i ricorsi della LAC al Tar, le sentenze della Corte di Cassazione e i pareri e le procedure di infrazioni iniziate dalla Comunità Europea hanno fatto desistere la regione Lombardia a promulgare una legge per consentire l'abbattimento legale di animali protetti.

Prevediamo però che i cacciatori e i loro rappresentanti nel consiglio regionale proveranno a deliberare a loro favore per consentire la caccia nel periodo di maggior migrazione.

La legge nazionale protegge i valichi utilizzati dagli uccelli migratori

Purtroppo per essere veramente protetti questi valichi devono indicati e censiti, le regioni e le provincie sono inadempienti in questo aspetto ed i cacciatori ne approfittano.

Alcune centinaia di migliaia sono gli uccelli detenuti in gabbia dai cacciatori bresciani, altrettanti nel Veneto e nel resto d'italia. Gli uccelli migratori viaggiano per migliaia di chilometri per andare dai luoghi di nidificazione a quelli di svernamento e ritorno.

Quando passano sul territorio italiano, vengono richiamati dai loro simili detenuti in piccole gabbiette ed abbatutti dai cacciatori nascosti nei capanni

 

 

Approfondimenti:

15 settembre 2012