Giba-aquila del Bonelli uccisa con una fucilata

aquila del Bonelli

Un esemplare di aquila del Bonelli, specie in via d’estinzione, è stato abbattuto con una fucilata nelle campagne di Giba, nel sud Sardegna. La notizia, riportata dal quotidiano L’Unione Sarda, ha suscitato grande sdegno tra gli ambientalisti.

Le popolazioni di aquila del Bonelli, così chiamata in omaggio all’ornitologo ed entomologo italiano Franco Andrea Bonelli, si stanno diradando in varie parti d’Europa a causa dei cacciatori di frodo e della distruzione degli habitat naturali.
La popolazione europea più grande si trova in Spagna, ma diverse coppie nidificanti sono presenti anche in Sicilia. Come indicato, in passato questo splendido uccello rapace era diffuso anche in Sardegna, ma già negli anni ’70, a causa della costante persecuzione, anche con cibo avvelenato, gli ornitologi ne avevano contate soltanto tre coppie nidificanti.

A decenni dalla scomparsa sono iniziati i progetti di ripopolamento, dei quali faceva parte lo sfortunato esemplare abbattuto a Giba. Lo scorso anno erano stati rilasciati cinque esemplari nel Parco di Tepilora, Sant’Anna e Rio Posada in provincia di Nuoro. Come indicato, si tratta di aquile maestose, con un’apertura alare che arriva a sfiorare i 180 centimetri e un peso di circa due chilogrammi per le femmine, che sono più grandi dei maschi. La specie è a rischio estinzione solo a livello locale; a livello globale è infatti classificata con codice LC (rischio minimo) nella Lista Rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN).

Chiediamo al Presidente del Consiglio, al Ministro dell’Ambiente e al governo tutto di prendere iniziative rigorose contro questi inaccettabili atti di bracconaggio per i quali le pene sono troppo irrisorie. Preme inoltre ricordare che sono ormai più di due anni che vige il Piano d’azione nazionale per il contrasto degli illeciti contro gli uccelli selvatici, ma fino ad ora solo sulla carta, perchè di fatto non è ancora attuato.

 

01 ottobre 2019

 

 

 

 

 

Sostienici