TAR Marche-accolto il ricorso-sospesa la preapertura della caccia

Il TAR Marche accoglie il ricorso delle associazioni ambientaliste e blocca la caccia in pre-apertura il 1 Settembre a tutte le specie !

Storica vittoria delle Associazioni Ambientaliste Marchigiane, che infliggono una pesante batosta alla Regione Marche, all’Assessore Pieroni ed alle Associazioni venatorie in materia di caccia!

Il TAR delle Marche, infatti, accogliendo il ricorso presentato contro il calendario venatorio dalle associazioni ambientaliste, ha sospeso con Decreto cautelare la caccia a tutte le specie in pre-apertura il 1 settembre e ad alcune addirittura fino al 18 settembre, quando è stata fissata l’udienza di merito.

Ancora una volta, quindi, è stata respinta l’arroganza della Regione Marche, che in spregio alle più elementari norme del diritto, aveva completamente ignorato l’autorevole parere scientifico dell’ISPRA, varando un calendario venatorio tra i peggiori in Italia, con le stesse violazioni di legge dello scorso anno e in assenza di un Piano Faunistico Venatorio Regionale e autorizzando la caccia a specie tutelate dalla Commissione Europea, senza un serio piano di gestione che contrasti il declino di queste specie.

Dopo la disfatta subita lo scorso anno, quando il Consiglio di Stato accolse il nostro ricorso, pensavamo che la lezione fosse servita all’Assessore Pieroni ed alla Giunta regionale. Invece non sono bastate la sconfitta davanti al Consiglio di Stato, quella al TAR Marche e ben due leggi regionali impugnate dal Governo a far emergere un sussulto di dignità ad una classe politica da sempre asservita ed ostaggio dei cacciatori!

Senza l’intervento del TAR, il Calendario Venatorio 2019/2020 avrebbe inoltre permesso ancora la caccia nelle Aree della Rete Natura 2000 in assenza di un valido Piano Faunistico Venatorio Regionale, ed avrebbe consentito ai cacciatori di sparare prima dell’apertura generale del 15 settembre. Una dura lezione quindi per i nostri legislatori regionali e per i tecnici dell’Osservatorio Faunistico Regionale, che anticipa la disfatta totale, tra una ventina di giorni, davanti ai giudici amministrativi del TAR Marche.

Le Marche, oltretutto, si erano anche allineate con le Regioni che non hanno voluto seguire le motivate raccomandazioni del Ministero dell’Ambiente, che chiedeva di vietare la caccia alle specie Pavoncella e Moriglione, gravemente minacciate in tutta l’Unione Europea.

Come sempre continueremo a vigilare, senza paura e con fiducia nella Magistratura Amministrativa, per impedire forzature e violazioni di Legge e per difendere il patrimonio faunistico della nostra Regione. Ringraziamo il nostro avvocato Tommaso Rossi del Foro di Ancona che ci ha regalato questa storica vittoria, che dedichiamo a tutti i difensori della fauna selvatica della nostra Regione!

Ancona, 27 Agosto 2019

L’Alleanza della Associazioni Ambientaliste Marchigiane: ENPA Marche, Italia Nostra Marche, LAC Marche, LAV Marche, Legambiente Marche, Lipu Marche, Lupus in Fabula, Pro Natura Marche, WWF Marche.