Protezione mammiferi: esautorare le Regioni da ogni competenza

Mammiferi protetti, prevenzione danni alla pastorizia e gestione faunistica: “esautorare le Regioni da ogni competenza in materia”.

 

Urgono regole chiare, se del caso anche con una specifica modifica legislativa ad hoc, per esautorare una volta per sempre  le Regioni a statuto ordinario e a statuto speciale da qualsivoglia competenza in materia  di  gestione dei grandi mammiferi protetti.

I recenti attacchi scomposti , da parte di alcuni amministratori regionali , agli organi di consulenza scientifica dello Stato (come l’ISPRA) , così come le continue richieste di “mano libera” per abbattere  orsi o lupi (vedasi province di Trento e Bolzano o regione Toscana), dimostrano una cosa soltanto: il livello locale e regionale non è quello più opportuno per affrontare con buon senso, e senza “sparate demagogiche”, temi delicati che richiedono competenze tecnico-scientifiche cristalline .

A giudizio della Lega per l’Abolizione della Caccia – LAC,  gli accorgimenti per prevenire danni alle produzioni agricole e per i relativi risarcimenti, così ogni attività correlata (ricerca scientifica, piani di gestione, attività di consulenza) , vanno sottratte alla faciloneria  delle campagne elettorali e della propaganda spicciola, a cui si è assistito negli ultimi mesi .

“Lo Stato centrale deve essere il principale garante  del rispetto delle Convenzioni internazionali e delle Direttive UE che tutelano molte specie di mammiferi ed uccelli selvatici; i vecchi assessorati caccia ed agricoltura delle Regioni e delle Province autonome non sono il livello amministrativo adeguato per gestire tali competenze”, conclude la LAC.

 

comunicato stampa,  6 febbraio 2019

Lega Abolizione Caccia

Ufficio Stampa

Via Solari 40, 20144  Milano

Tel/Fax  02 47711806