A buon fine intervento delle guardie LAC-Padova

25 luglio 2018
CONFISCATA LA MAREMMANA SEQUESTRATA DALLE GUARDIE DELLA L.A.C. NEL FEBBRAIO 2017 E CONDANNATO IL PROPRIETARIO.

Si è conclusa felicemente la storia della maremmana Nanà, così si chiama ora il pastore maremmano, che il 13 febbraio 2017 le guardie Zoofile della L.a.c. di Padova avevano sequestrato a Saonara (PD).
A distanza di 18 mesi per l’ex proprietario è arrivata la condanna, mentre per Luce, il nome che le guardie le avevano dato come portafortuna – definitivamente confiscata – è arrivata una nuova vita. Il docile maremmano, infatti, è stato adottato da una nuova famiglia.

Il proprietario non sapeva neppure il sesso del suo cane, che presupponeva fosse maschio dato che non aveva mai fatto cuccioli.
La giovane maremmana, molto docile e affettuosa era detenuta in “condizioni tali da cagionarle sofferenza”, ovvero legata ad una corda corta e talmente stretta da provocargli una profonda ed evidente ferita al collo. Il cane, inoltre, non aveva a disposizione né acqua ne’ cibo ed era privo di ripari e poteva muoversi solo per una raggio di pochi metri su una pavimentazione costituita da ciotoli, sassi e calcinacci.
Subito sequestrata, dopo le prime cure in clinica era stata accolta al Rifugio di Rubano-Lega del Cane Padova https://www.facebook.com/CanileDiRubano/?fref=mentions
A distanza di 18 mesi per questi motivi, in base al reato previsto dall’ art 544 ter, D.P. è stato condannato ad una pena di 2.500 euro di multa e soprattutto alla confisca della cucciolotta, che ora vive finalmente libera con un parco enorme a disposizione, dove potrà dimenticare gli anni di stenti e di maltrattamenti.

http://mattinopadova.gelocal.it/padova/cronaca/2018/07/25/news/rubano-maltrattava-il-cane-condannato-a-2-500-euro-di-multa-1.17093029

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per segnalazioni e info guardie LAC sezione Padova, scrivere a: lacpadova@gmail.com
https://www.facebook.com/lacsezionepadova/