Posted by on 20/09/2017

Il Governo impugna legge regionale lombarda

Comunicato stampa – 16 settembre 2017
Il Governo impugna legge regionale lombarda su controllo faunistico nei parchi

   Nella seduta n. 44 di ieri, 15 settembre, il Consiglio dei Ministri ha deliberato di impugnare presso la Corte Costituzionale la legge regionale della Lombardia n. 19 del 27 luglio 2017, in materia di gestione venatoria del cinghiale.

http://www.governo.it/articolo/comunicato-stampa-del-consiglio-dei-ministri-n-44/8086
  Lo scorso 24 luglio la Lega Abolizione Caccia (LAC) aveva inoltrato ai ministeri competenti un dettagliato esposto, rilevando alcuni profili di illegittimità delle norme approvate dal Pirellone.

   In particolare il Governo ha rilevato che, in materia di gestione della fauna e controllo faunistico all’interno delle aree protette regionali, i «prelievi faunistici ed abbattimenti selettivi necessari per ricomporre squilibri ecologici» debbano avvenire «per iniziativa e sotto la diretta responsabilità e sorveglianza dell’organismo di gestione del parco e devono essere attuati dal personale da esso dipendente o da persone da esso autorizzate ».
 
   E’ l’ente parco regionale il solo titolare del controllo faunistico nei parchi regionali, inclusa la specie cinghiale.
  A maggior ragione per i parchi nazionali con confini ricadenti nel territorio Lombardo, la disposizione regionale invade competenze dell’ente parco nazionale fissate con legge statale.
    
Nel link seguente le motivazioni dell’impugnativa del Governo:
http://www.affariregionali.it/banche-dati/dettaglioleggeregionale/?id=11710

Lega per l’Abolizione della Caccia – Ufficio Stampa